Foto random

Stavo pensando…è un po’ che non apro il vaso di Pandora per riproporvi gli orrori di Setagaya e dintorni… alé, beccatevene un po’ così, senza motivo…

 

…cominciando con la casa di un genio

 

Pane al gusto Pikachu

La casa di Biancaneve e i sette nani . Chapeau.

 

Advertisements

Versailles no Bara – Oscar hen Soragumi 2014

愛故に人は美しい

E’ l’amore che rende belle le persone

IMG_5416IMG_5420

Della storia di Lady Oscar sono state rese parecchie versioni teatrali, che riprendono ognuna un particolare della vicenda o che mettono in luce maggiormente uno dei personaggi. Le tre versioni più popolari e maggiormente replicate sono

Oscar hen

Oscar to André hen

Marie Antoinette to Fersen hen

Poi ci sono i cosiddetti gaiden (spin off):

Fersen hen

Girodel hen

Alain hen

Bernard hen

André hen

L’anno scorso è stato messo in scena Oscar to André hen, che è forse la mia versione preferita in assoluto, con una fantastica interpretazione della Moon Troupe 月組 (e mi mangio ancora le mani per non averla vista dal vivo, ma solo su un losco sito cinese tutta sgranata…). Io ho visto la versione che mette più in luce le vicende di Oscar, che era comunque la prima con cui era doveroso iniziare.

Da brava fanatica, negli anni avevo già visto qua e là qualche spezzone trovato su youtube, ma per prepararmi a questo con grande sgomento di Toru , e sempre grazie ai loschi siti cinesi, mi sono sparata praticamente in un mese scarso tutte le versioni (tranne quella di Girodel che non c’è stato verso di trovare), mi sono imparata tutte le canzoni, così che il 10 luglio ero preparatissima e fomentatissima (Toru merita poi tutto un commento a parte, come sempre* 🙂 )

Pomeriggio del 10 luglio: arriva un tifone.

Imprecazioni in turco, tentativo di sopprimere l’omino del gas che insisteva per irrompere in casa per fare il controllo annuale proprio mentre mi stavo togliendo i bigodini ed ero in mutande, una mezz’ora piena per raggiungere il teatro Tokyo Takarazuka, poco lontano dalla stazione di Yurakucho. Siamo lì un’ora abbondante prima dello spettacolo che comincerà alle 18:30. Fuori piove che Dio la manda.

L’entrata del teatro si presenta normalmente così e così, chilometri di tappeto rosso e candelabri a sproposito,ma ricorrendo quest’anno il centenario del Takarazuka, l’abbiamo trovata così.

Ho fatto poche foto col cellulare, purtroppo non rendono giustizia alla sublime pacchianata (e io adoro le pacchianate ♥︎):

IMG_5431

Le carampane peggio che alla presa della Bastiglia!

IMG_5458

Selfie laterale per non suscitare le ire delle carampane 🙂

IMG_5454

L’unica occasione nella vita di sfoggiare un sobrio abito tempestato di paillettes 😀

IMG_5428

IMG_5437

Poster dello spettacolo

IMG_5464

Tramezzini del Takarazuka: se non ho fotografato il contenuto un motivo ci sarà :O

Al”interno del teatro c’è l’immancabile negozio di souvenir in cui -inutile ribadirlo- era vietato fare fotografie e si poteva entrare solo mostrando il biglietto per lo spettacolo; mi dispiace perché vi siete persi la fiera della tamarraggine, gadget veramente pregiuevoli ritraenti le attrici sulla scena e non. Erano proprio gli scatti non strettamente legati al teatro ad andare a ruba, così come le magliette e gli altri segni distintivi che le fan di una star decidono di portare ai loro loschi raduni. Non essendo ancora a quello stadio della malattia, mi sono solo comprata una calamita di André che adesso occhieggia (battutona…) orgoglionamente dal mio frigorifero e mi ricorda che non è vero amore se non ti prendi una scarica di carabina in petto ogni volta che mi procaccio il cibo.

IMG_5445

Nelle mie estenuanti ricerche avevo letto anche riguardo al dress code e al comportamento da tenere in teatro. Il dress code l’ho cannato alla grande perché ci saranno state 5 o 6 persone vestite bene, le altre erano vestite o con l’abitino da funerale giapponese con tanto di perle bianche, o con il solito ciarpame leopardato da mercato rionale. Gli uomini devo dire che avevano avuto la decenza di mettersi almeno una camicia, tranne un pelatone in prima fila che si era messo una polo sdrucita in barba a tutto. Per quanto riguarda il secondo punto, guai ad applaudire quando hai voglia di farlo: si applaude solo quando applaudono le carampane. E BASTA. E si battono le mani massimo 4 volte. Ogni tanto da dietro c’era qualche temerario che si arrischiava a battere le mani a sproposito e il suo entusiasmo cadeva nel vuoto, totalmente ignorato. Noi abbiamo fatto i bravi, anche se in certi punti mi sarei spellata le mani con tanto di fischio alla pecorara, quello con due dita in bocca.

Tornando ai dettagli della rappresentazione, i protagonisti di questa versione di Versailles no bara sono stati interpretati da:

Kaname Ouki (Oscar) top star otokoyaku

Rion Misaki (Rosalie) top star musumeyaku

nei ruoli fissi, e a rotazione:

Tooma Ozuki (André, sulla sinistra) che si è alternata negli altri spettacoli con Manato Asaka (molto bella, e secondo me troppo femminile per interpretare André, ma perfetta per il ruolo di Girodel in cui l’ho vista quella sera, sulla destra)

Nella foto manca Nanami Hiroki (Alain/ Girodel a rotazione).

oscar20140312_4

Ho pensato un po’ a come fare a spiegarvelo per bene e ci ho provato con la videocronaca dello spettacolo: si apra il sipario!

minuto 1:25 ” Ritratto dell’amore” (愛の肖像)

20140513180810noi:

Scena d’ammore

o0480071113001118157

io:

tumblr_lvhuuq55N71qhoyau

Morte di André

003

io e Toru:

Crying_Meme 1240393095655

presa della Bastiglia e morte di Oscar:

96958A9C93819B9AE3E1E2E2E08DE3E1E2E7E0E2E3E69393E382E2E2-DSXBZO7130510016052014000001-PN1-9 ent14050220280021-p2

noi:

noi:

shut-up-and-take-my-money-9299-2560x16001

Tra i momenti che mi sono piaciuti di più in assoluto c’è stato quello del ” Ritratto dell’amore”, le volte in cui le attrici si avvicinavano alle prime file, e anche, moltissimo, la line dance di cui vi ho già un po’ parlato. Ho pensato ai video e ai documentari che ho visto, a quanto quelle ragazze abbiano dovuto fare per essere su quel palco e, magari, un giorno diventaretopstarmettersiladivisadiOscaresaliresulPegaso. Ho cominciato ad avere i miei soliti trip mentali su quanto sia importante lottare per i propri sogni e mi sono commossa ancora di più. Sul tetto del Takarazuka si abbattevano le raffiche di pioggia portate dal tifone. Avevo esaudito un altro dei miei tanti-troppi! desideri. Insomma, mi sono sentita proprio felice 😀

Per quel poco che me ne possa capire di Takarazuka l’interpretazione di Kaname Ouki è stata sublime, molto energica e sentita (l’abbiamo vista piangere veramente sulla scena in più punti).  Avevo letto che non è una cantante eccellente (le solite carampane haters), invece ha ampiamente superato ogni mia aspettativa, confermandosi una delle migliori Oscar che abbia mai visto (e in questo mese ne ho viste tante 🙂 ); Rosalie voce pazzesca e bellissimo personaggio, molto migliore che nel cartone animato, le si perdona anche il fatto di non essere morta; scenografie bellissime e cambi di scena e di costume alla velocità della luce, Pegaso semovente e paillettes, orchestra dal vivo strepitosa…molto più che attrici, le takarazienne sono dispensatrici di sogni. Sono entrata nel tunnel… e a uscirne, non ci penso nemmeno!

*Non so chi ha pianto di più tra me e Toru, che in pochi mesi è passato da: berubara roba da femminucce a: iscriviamoci al Takarazuka tomo no kai, now!

Takarazuka- istruzioni per l’uso (seconda parte)

Per permettere un giusto ricambio generazionale, le top star di ogni troupe in genere mantengono la loro posizione per 3-4 anni, massimo 5, lasciando poi la carriera di takarasienne. Alcune diventano attrici affermate, come Amami Yuki, oppure doppiatrici. O, come auspicava il patron Kobayashi, brave mogli.

Il Takarazuka è un mondo luminoso e abbagliante, ma come tutte le luci ha anche le sue ombre. La prima prende il nome di bullismo ad opera delle stesse compagne di studi, pratica tristemente comune in questo paese anche nella scuola dell’obbligo. Ho letto ad esempio di ragazze che hanno subito angherie solo perché non si sono fatte da parte al passaggio delle studentesse del secondo anno.
Questa è la scala dell’ex accademia musicale, guardate voi stessi: i gradini sono consumati sul lato destro perché le matricole devono camminare rasentando i muri per essere il meno possibile d’intralcio alle compagne più anziane.
124196507698216114774_4
La seconda ombra riguarda l’ossessione dei fan (e in questo i giapponesi sono maestri),che sfocia sovente nello stalkeraggio.

Vi sono certamente molti uomini tra gli appassionati, ma la maggioranza femminile dell’audience è schiacciante. Le fan sono estremamente severe e quasi maniacali nel creare regole assurde. Nel teatro, soprattutto ai posti migliori, sembra che si possano trovare sempre le stesse persone poiché i biglietti vengono prima messi in prevendita al “Takarazuka tomo no kai”,il fan club. Raramente rimangono posti liberi per gli spettacoli più attesi (ivi il cedimento del rene per poter ottenere due biglietti all’asta). I fan, o meglio, le fan, sono agguerritissime. L’attrice preferita non è soltanto una beniamina, è un vero oggetto di ossessione e brama di possesso. Alcune di loro provvedono ad ogni necessità del loro idolo, facendo commissioni per lei o donandole regali costosi, persino gioielli. Nel caso delle otokoyaku, si arriva ad un’attrazione romantica, in casi estremi sessuale; d’altronde i personaggi interpretati dalle otokoyaku sublimano la mascolinità in qualcosa di “puro, onesto, bello”: le casalinghe disperate possono fantasticare su qualcosa che è altro dallo strano animale a due zampe che gira per casa. Le otokoyaku sono insomma meglio degli uomini stessi.

Non la metterei su questioni di omosessualità, visto che anche se è probabile che sia tra le attrici che tra le fan ci siano anche queste preferenze, tali casi non sono poi così frequenti -ricordiamo che il Takarazuka non è stato creato per l’emancipazione femminile o per i diritti degli omosessuali, è stato ideato da un nazionalista guerrafondaio retrogrado! Quando leggo su vari siti inglesi che il Takarazuka è un esempio di teatro pro LGBT perché le donne si vestono da uomo mi viene da ridere…e allora il kabuki, il teatro elisabettiano che cosa sono, spettacoli del gay pride?? Con tutto il rispetto per i vari orientamenti sessuali, che poi non vorrei trovarmi teste di cavallo nel letto 🙂

Vi posso dire in tutta onestà che le otokoyaku sono così brave da sembrare davvero uomini sulla scena. Forse viste in fotografia fanno un po’ ridere a noi occidentali, con il trucco teatrale e i parrucconi, ma quando le vedrete sul palco vi innamorerete di loro. Ci metto la mano sul fuoco. E’ la magia del Takarazuka che vorrei cercare di raccontarvi, ma so che sarà dura perché certe sensazioni le dovreste provare voi. Cominciamo da quella più difficile, quella del “turbamento”.

Noi eravamo in terza fila. Questo significava prima di tutto attirarsi gli sguardi incuriositi e ben poco benevoli delle fan. Soprattutto verso di me, l’invasore straniero. Vi dico solo che ho tirato fuori il cellulare a 20 minuti dall’inizio della rappresentazione (metà della sala era con lo smartphone in mano) per assicurarmi che fosse in modalità silenziosa, e già una scorbutica dietro di me era partita all’attacco facendomi notare che durante la rappresentazione le riprese erano vietate (sai che novità…). L’ho ringraziata dicendo che lo sapevo. Assatanata

Comunque…le attrici recitano così vicine da poter guardare gli spettatori delle prime file in faccia, forse per cercare un volto conosciuto, forse per fare il cosiddetto “fan service” (azioni fatte appositamente per mandare in brodo di giuggiole i fan). E non nascondo che quando un paio di volte mi hanno guardata mi sono sentita avvampare. In quel momento davanti a me non c’era una donna travestita, c’era il mio eroe in carne ed ossa! La sensazione più strana l’ho provata proprio nel finale, nel momento in cui le takarasienne hanno fatto l’ultimo inchino e ho sentito distintamente il loro profumo: una fragranza conturbante, né maschile né femminile. Sinceramente pensavo che a quel punto mi fosse andato in pappa il cervello, invece anche Toru l’aveva sentito. Dopo due ore di ballo e canto sfrenato ci si aspetterebbe un odore devastante di cane bagnato, invece si sono dimostrate “rose di Versailles” in tutto e per tutto. Cercando disperatamente una risposta al perché di cotanta grazia, ho letto che le takarasienne imparano, fra le altre cose, a farsi la doccia e a cambiarsi in meno di 10 minuti. Cosa di cui non riesco a capacitarmi, io che in 10 minuti non riesco nemmeno a lavarmi la faccia 😀

continua (con il racconto dello spettacolo!)…

Takarazuka: istruzioni per l’uso (Parte prima)

Non credo minimamente di esagerare nel dire che ieri ho passato una delle più belle serate della mia vita…

Innanzi tutto, per chi non lo conosce, come promesso vi parlerò un po’ del Takarazuka.

Il Takarazuka kagekidan è il teatro di rivista nato nella città omonima nella prefettura di Hyōgo (tra Kobe e Osaka) nel 1914 ad opera dell’industriale Ichizō Kobayashi, che voleva ridare vita ad un’area termale in decadenza situata proprio alla fine della linea da lui fondata (e che se non sbaglio-amici del Kansai correggetemi- è una delle più usate ancora oggi), la Hankyu.

Come vi ho già accennato, la peculiarità di questo teatro è l’utilizzo esclusivo di attrici sulla scena (sembra che per un breve periodo fossero stati anche inseriti attori nel cast, ma con scarso successo), le quali vivono seguendo il motto 清く、正しく、美しく “Sii pura, onesta, bella.” 45-50 takarasienne venivano (e vengono tutt’ora) scelte tra candidate di età compresa fra i 13 e i 15 anni (adesso l’età si è alzata, dai 15 ai 18).

Ovviamente, il primo anno passava in bellezza: pulizia a fondo dei tre piani dell’accademia di musica, sottomissione alle ragazze del secondo anno (profondi inchini, tenere loro le porte aperte, divieto di superarle anche solo di un passo, eccetera). Allo smazzamento si affiancavano gli studi di danza, canto, dizione e galateo, che doveva servire loro per diventare delle mogli perfette (zio Kobayashi era leggermente di destra e non proprio di quelli che bruciano i reggiseni in piazza). Tanto per cambiare, vigeva il tassativo divieto di frequentare uomini con un “velato” invito alla castità. Olè. Le studentesse del primo anno vengono chiamate 予科生 Yokasei.

Tanto per darvi un’idea, guardate i primi minuti di questo documentario.
Il secondo anno, per chi sopravviveva, non è che fosse tutto rose e fiori: studio matto e disperatissimo dalle 9 alle 5 (con rinforzo serale quando necessario) e finalmente la scelta cruciale tra otokoyaku (ruolo maschile) e musumeyaku (ruolo femminile), che influenzerà la carriera artistica dell’attrice. Le otokoyaku, scelte in base a molti fattori tra cui l’altezza e il registro vocale, manterranno i capelli molto corti, impareranno a cantare avvicinandosi quanto possibile al baritono, inizieranno ad utilizzare il linguaggio e l’atteggiamento maschile. E’ quello di otokoyaku il ruolo tutt’ora più ambito e il più affascinante, che porterà le più determinate a diventare “top star” dei cinque gruppi in cui verranno smistate alla fine del secondo anno: Hana (fiore), Hoshi (stella), Tsuki (luna), Yuki (neve) e il più recente Sora (cielo, o cosmo). Lì continueranno i loro studi e muoveranno i loro primi passi sulla scena. Le studentesse del secondo anno vengono chiamate 本科生 Honkasei.

Il debutto della takarasienne avviene ancora oggi con la “line dance” al termine delle rappresentazioni.

Probabilmente alcune leggere modifiche a questo addestramento quasi militare sono state apportate, ma non ci giurerei 🙂
Per quanto riguarda la retribuzione, le attrici vengono pagate con un fisso per i primi sette anni, in seguito firmano veri e propri contratti con la direzione del teatro. Essendoci posto per una sola top star in ogni gruppo, molte attrici abbandonano la carriera quando capiscono di non poter superare i propri limiti o quando decidono di sposarsi. (in origine, il buon Kobayashi si occupava personalmente di farle maritare trovando per le ragazze un buon partito, adesso il buon marito sembra che se lo trovino da sole).
In genere, alle musumeyaku occorrono 5-6 anni per poter diventare “qualcuno” nella troupe, mentre alle otokoyaku ne servono almeno 10.

continua…

Standing Ovation, Seated

HELPING PEOPLE UNDERSTAND ART

Macaronea

Considerazioni sparse di una prof (precaria) di lettere.

FarOVale

Hearts on Earth

Sapori diVini

...altro che kimono e fiori di ciliegio!!

Imago Recensio

...altro che kimono e fiori di ciliegio!!

Obsidianne

Rust Rage Red Ravaging Restless

BUROGU: Occhi sull`Impero

Riflessioni semiserie di italiani che, per forza o per passione, vivono in Giappone

Greeneyed Geisha

...altro che kimono e fiori di ciliegio!!

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.