Trovare lavoro a Tokyo

Stavo scrivendo un post totalmente differente, però durante la mia assenza mi sono arrivati tre messaggi privati tutti con la stessa tematica, ossia :"come trovare lavoro in Giappone?" e ho voluto dare a questo la priorità.

Penso di non essere la persona più adatta per questa domanda perché la mia teoria è solo una, universale: ci vuole culo. O bisogna saper leccare il culo. O dare via il culo. O farsi il culo. Insomma…la parola chiave è culo. Ma lo è anche in Italia e un po’ in tutto il mondo, visto che la meritocrazia è equiparabile al dodo nell’ecosistema lavorativo.

Anni fa in qualche sperduto post di questo sperduto blog di questa sperduta donnina vi scrivevo come fosse importante venire qui con un progetto ponderato e riponderato, un budget minimo o, perlomeno, con un grande sogno. Poi però la realtà di Tokyo mi ha fatto incontrare e scontrare con tanti tipi di persone e non so, ho cambiato idea. Mi sono fatta l’idea che trovare lavoro in questa città sia come giocare alla roulette russa, c’è chi vince la scommessa e chi finisce col cervello spappolato. Chiedetevi francamente se ne vale la pena. Mettete su un piatto della bilancia quello che avete e cercate di capire se vale la pena rischiarlo; in effetti la maggior parte degli stranieri che vive qui è qui perché nella madrepatria non aveva nulla da perdere e si è autoesiliato con non poca saudade del paesello da cui è scappato senza voltarsi indietro. C’é chi mi ha detto, con gli occhi spalancati come una bestia braccata "io non voglio assolutamente tornare a casa…devo trovare un modo per rimanere qui". A volte mi capita di incontrare ancora gente con occhi così, occhi che mi fanno paura ma che soprattutto mi mettono tristezza. Perché, chi più chi meno, ognuno di noi qui ha avuto paura all’idea di tornare a casa, almeno una volta. Ed evito di attaccarvi la menata dei politici corrotti che hanno rovinato il nostro Paese et cetera…perché la colpa è anche nostra.Mi scrivete se sia possibile fare "qualsiasi lavoro, anche la cameriera"…ma cose così mi fanno perdere le staffe. SOGNATE! OSATE SOGNARE!

Se il vostro sogno più intimo è "fare la cameriera" allora ben venga, ma vi rendete conto che vi state scavando la fossa? Non parliamo di pagarsi gli studi all’estero, cosa nobilissima. Parliamo di ADULTI a volte sui 25, ma molto più spesso alla soglia dei 30 anni. Altri i 30 li guardano ormai col binocolo.

E si ABBASSANO.

Gente che farebbe di tutto (e ritorniamo agli occhi da bestia braccata) . Così non solo abbassate voi stessi, ma abbassate anche gli altri, rendendoci alla stregua dei cinesi che fabbricano borse di plastica dalle parti dell’Osmannoro. Non solo in Giappone, ma anche in Italia, cediamo ai ricatti di persone prepotenti tutti i giorni. Tutti i giorni scendiamo a compromessi. E il nostro valore si deprezza, si svaluta, si annulla.

Non abbiamo il coraggio di dire di NO. E gente che non ha questo coraggio in patria difficilmente lo troverà all’estero.

Il mio rapporto con il lavoro è molto cambiato, recentemente. Cercavo una stabilità al lavoro per poter dare una stabilità alla mia vita e poter anche osare di pensare a creare una mia famiglia. Però ho scoperto che quello che voglio fare non è assolutamente legato al posto in cui lavoro ora e mi si è aperto un mondo di possibilità, aria fresca ha spazzato via la palude in cui io stessa avevo scelto di entrare quando avevo "abbassato il tiro". E ho realizzato che anche se perdessi questo lavoro, basterebbe tornare al punto di partenza: culo.

avercelo.

farselo.

leccarlo.

darlo via.

A voi la scelta.

Volete lavorare in Giappone? Venite, allora. Ma non abbassatevi. Non accontentatevi( stile "Steve Jobs me fa ‘na pippa"). Qualsiasi lavoro facciate, fatelo con amore e con dignità, perché noi siamo quello che facciamo, non quello che diciamo di essere. Che siamo tutti dei geni sprecati, a parole.

 

Ad maiora!!!!!!!!!

 

…ed io che mi ero persa in dissertazioni sulle risaie di Akita, ‘tacci vostri 🙂

 

 

 

Advertisements

Standing Ovation, Seated

HELPING PEOPLE UNDERSTAND ART

Macaronea

Considerazioni sparse di una prof (precaria) di lettere.

FarOVale

Hearts on Earth

Sapori diVini

...altro che kimono e fiori di ciliegio!!

Imago Recensio

...altro che kimono e fiori di ciliegio!!

Obsidianne

Rust Rage Red Ravaging Restless

BUROGU: Occhi sull`Impero

Riflessioni semiserie di italiani che, per forza o per passione, vivono in Giappone

Greeneyed Geisha

...altro che kimono e fiori di ciliegio!!

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.