La situazione attuale della Tokyo post terremoto

Ho passato una notte insonne per le scosse di assestamento e per controllare di tanto in tanto il cellulare, aspettando notizie dei genitori di Toru. Fortunatamente verso le 5 mi è arrivato un messaggio di sua mamma che è riuscita a prendere la linea. Stanno tutti bene, ma sono senza elettricità, e la possibilità di usare il telefono è veramente bassa, le linee sono intasate e le antenne danneggiate. Hanno detto che da loro la terra ha tremato molto meno che a Tokyo, proprio per il fatto di essere nell’entroterra vicino alle montagne. Nella mia ignoranza mi immaginavo già delle frane catastrofiche, sono totalmente all’oscuro di cosa succeda durante e dopo un terremoto, tsunami a parte.

Proverò a ricostruire cosa è successo qui, per quanto è possibile:

ieri, intorno alle 2 e 45 del pomeriggio, stavo per uscire di casa quando Ayla ha iniziato a lamentarsi e a rimettere. Ammetto che ero già pronta a rimproverarla quando la terra ha iniziato a muoversi sotto i miei piedi. Non sapendo che altro fare, ho preso Ayla e siamo andate sotto il tavolo…la scossa è durata veramente un’eternità,non so quanti minuti, ma tanti, troppi….appena ha smesso ho acceso la televisione,preso il cellulare e sono tornata sotto il tavolo e ci sono rimasta per un bel po’. Poi sono andata davanti alla tv e ho visto il disastro che stava avvenendo. Ogni volta che una scossa veniva trasmessa dalla prefettura di Miyagi, dopo 20 secondi tremava anche qui. Sendai, che è la città più colpita, è molto vicina alla città dei miei suoceri quindi mi sono veramente preoccupata. Ho provato a telefonare sia a Toru, che era al lavoro a Shinjuku, sia a sua madre, ma le linee erano già saltate. Per ore ho tenuto i contatti tramite FB con parenti e amici, appena ho saputo che la notizia era arrivata in Italia ho acceso skype per rassicurare i miei. Ho cercato la torcia e controllato che le pile funzionassero ancora e ho telefonato mille volte a Toru senza riuscire a prendere la linea. Ho pensato che nelle cucine tra gas e fornelli gli incendi sono più che probabili e ho sperato che fosse per strada. Ho aspettato, ore ed ore scappando sotto il tavolo di tanto in tanto quando la televisione avvertiva l’arrivo di nuove scosse. Alle 7 ancora non arrivavano notizie, come un automa, non so nemmeno perché, ho scaldato il bagno e preparato la cena, tenendo d’occhio il fornello. Alle 8 e mezza giravo intorno al tavolo della cucina col cane in braccio come una pazza. La tv diceva di non andare in stazione perché tanto i treni erano fermi, e mostrava la stazione di Shinjuku presa d’assalto inutilmente da migliaia di persone.

Alle 8 e 40 si è aperta la porta e ho tirato un urlo. Era Toru che si era fatto più di 6 chilometri a piedi. A quel punto mi sono fatta il pianto che non ero riuscita a tirare fuori per tutta la giornata. Perché quando hai veramente paura mica pensi a piangere: pensi a salvare la pelle.

Toru mi ha raccontato ridendo che ha corso "come Forrest Gump" per più di un’ora, sfruttando la corsia delle macchine che erano ferme, mentre i marciapiedi erano affollati di persone che più che tornare a casa, vagavano senza saper bene che cosa fare. Però aveva gli occhi bordati di viola che tradivano tutta la paura che aveva avuto. "Se non fossi stata a casa non so cosa avrei fatto, volevo rivederti subito, ho pensato che dovevo rivederti assolutamente" mi ha detto.

Siamo stati fortunatissimi se pensiamo a cosa sta succedendo intorno a noi. La zona di Osaka sembra essere stata risparmiata, a Kyoto un mio amico mi ha detto di non aver nemmeno avvertito le scosse…ho vissuto un dramma per una giornata ma non è niente rispetto a cosa stanno soffrendo gli abitanti del nord-est.

Stamattina sia io che Toru siamo dovuti andare al lavoro. E’ una cosa vergognosa, che come ho già scritto su Facebook è la riprova di come certe persone non siano in grado di dare valore alla vita, ma solo ai soldi. Dopo circa 3 ore però sono stata rimandata a casa perché ben poche persone han voglia di far lezione in condizioni simili. In stazione si muovono solo i treni locali,stipati come carri bestiame. La maggior parte dei viaggiatori erano appunto bestie da soma come me che dovevano andare a lavorare, ma c’erano anche persone che "siccome è sabato", hanno avuto la faccia tosta di andare a gironzolare. In particolare mi hanno fatto venire il nervoso due ragazze che si lamentavano dei disagi…cerebrolese che non hanno capito che cosa è successo. Sulla via del ritorno mi è arrivato il messaggio di un altro preside,che recitava: "Tutto bene? domani fai dall’1 alle 7".

Lascio immaginare la sfilza di insulti che mi si sono affacciati alla mente.

 Tra i postumi del terremoto ci sono una nausea continua e un gran mal di testa, oltre alla perdita di equilibrio. Sono proprio stanca, ma non riesco a dormire.

Ci sono oltre 1600 persone tra morti e dispersi, il numero continua ad aumentare.Sto guardando la televisione e non posso fare a meno di piangere guardando le immagini che scorrono: paesi portati via dalle piene, persone che dall’alto della collina guardano in lacrime le case trascinate dal fiume, i bambini terrorizzati…elicotteri che vanno a prendere le persone arrampicate nel posto più alto che abbiano potuto trovare…il mare che si sta mangiando tutto, che risucchia le macchine, le strade spazzate, le persone che si cercano, le palestre piene di cadaveri…la cosa più vicina che possa ricollegare alla fine del mondo…e Tokyo continua a tremare di tanto in tanto, per ricordarci che non siamo ancora al sicuro. Adesso han fatto sentire la voce di gattini e cani intrappolati in un negozio di animali e Ayla ha alzato la testa, sicuramente lei capisce il grido di aiuto…la piccolina è agitatissima e riesce a riposare solo sulle mie ginocchia. Mi hanno chiamato i miei, terrorizzati dal pericolo di radiazioni dalle centrali nucleari. In questo momento non so quale sia il vero pericolo, so che hanno evacuato la zona ma ho il sospetto che in Italia stiano facendo il solito terrorismo giornalistico, magari per tirare fuori il dibattito sul nucleare.

Spero di sapervi dire qualcosa di più preciso nelle prossime ore

 

22 Comments (+add yours?)

  1. Pasha
    Mar 12, 2011 @ 10:20:22

    Innanzitutto ciao, ti leggo "lurkando" da tempo, scusa se non ho mai commentato prima; confermo quello che dici, cioè che i media italiani fanno catastrofismo come loro solito; io da ieri mattina (ora italiana) seguo piuttosto i siti della BBC e della NHK World (entrambi hanno video streamings in inglese molto accurati e continuamente aggiornati).
    Quanto alla centrale di Fukushima, mi risulta ci sia stata un’esplosione nell’edificio che contiene il reattore n°1, ma al momento non ci sono maggiori dettagli.
    Per quanto riguarda le comunicazioni difficoltose, qui dicono che anche se fissi e cellulari non funzionano, funziona però la ricezione e l’invio di e-mail coi cellulari…è così?
    Premesso che non sono nemmeno lontanamente paragonabili per dimensioni, ero a poche decine di chilometri dall’Aquila quando c’è stato il terremoto là, e ricordo la brutta sensazione data dalle continue scosse di assestamento…/.__.
    Tieni duro e cerca, per quanto possibile, di stare tranquilla; non so quanto possa essere consolante, ma mi sa proprio che il posto migliore al mondo dove trovarsi in caso di terremoti sia proprio il Giappone (se un evento del genere fosse capitato nel nostro "Bel Paese" dal "Cemento fatto con la sabbia di mare" mi sa che staremmo contanto i sopravvissuti, non le vittime…).
    Ciao!

    Reply

  2. Zion
    Mar 12, 2011 @ 10:41:09

    non credevo vi avrebbero permesso di tornare a lavorare. non solo lo permettono, ma lo esigono! Sono un po’ perplessa, ma ci deve essere una qualche logica che non comprendo.
    Mi sono commossa leggendo le tue parole. Mi domando però se il pericolo nucleare non sia sottostimato per evitare il panico (giapponese e panico nella stessa frase però suona stonato). Qui le notizie parlano di una esplosione e di una nube radioattiva fuoriuscita a Fukushima. Spero tanto che migliori la situazione e basta, questo spero.

    Reply

  3. deniz
    Mar 12, 2011 @ 10:47:26

    anche io mi sono commossa leggendo le tue parole, davvero sembra la fine del mondo…qui in italia dipingono Tokyo come una città al collasso (leggendo altri blog mi pare che solo i treni siano fermi ma che danni strutturali non ce ne sono molti) e paventano la minaccia nucleare per l’esplosione del reattore della centrale di fukushima e il cedimento del tetto…dicono che per chi si trova nell’area (evacuata subito) e respira le nubi per qualche ora ci sia un’ esposizione pari a un anno di esposizione alle radiazioni…cioè poche ore=un anno…rai news ci continua a collegare con CNN e NHK world e con varie tv giapponesi…
    è incredibile come certe persone non capiscano la gravità della situazione ma non stupiamoci troppo…
    ti siamo vicini e speriamo che non ci siano più scosse..

    Reply

  4. Pasha
    Mar 12, 2011 @ 10:56:42

    Qualche notizia in più su Fukushima: alla BBC hanno appena intervistato un esperto secondo cui non ci sarebbe alcun "rischio Chernobyl", in quanto il reattore era comunque stato fermato immediatamente; quel che si rischierebbe sarebbe quindi la fuoriuscita di radiazioni in caso l’esplosione, oltre ad aver danneggiato la struttura esterna dell’edificio, avesse in qualche modo danneggiato anche il "guscio interno" del reattore…in ogni caso, l’esperto sosteneva che la fuoriuscita di radiazioni dovrebbe essere limitata…incrociamo le dita, ovviamente…/.__.\
     
     
    p.s.
    Giusto per elaborare un po’ su quanto ho detto prima a proposito del catastrofismo dei media italici: ieri per tutto il giorno i tg hanno continuato a mandare un servizio in cui, tra l’altro, parlavano di un "principio d’incendio in una centrale nucleare", mentre scorrevano le immagini del pauroso incendio alla raffineria nella prefettura di Chiba! E ancora, la notizia dell’evacuazione di chi abitava nel raggio di 3 km. dal reattore di Fukushima (3000 persone stando a NHK e BBC) è stata data aggiungendoci uno zero ("trentamila evacuati!"). E infine: mentre la BBC notava la reazione comunque ordinata e "preparata" dei giapponesi di fronte all’evento catastrofico, i media nostrani usavano termini tipo "giapponesi nel panico", "Giappone in ginocchio" e simili….>_<

    Reply

  5. Blue_Hell
    Mar 12, 2011 @ 14:52:35

    Ciao Murasaki!! *^* Sono davvero felicissima che tu, Ayla, Toru e la sua famiglia stiate tutti bene!!! *______* Le immagini che arrivano in Italia sono orribili e preoccupanti! Ti prego quando puoi e se puoi tienici aggiornati! Vi mando un caloroso abbraccio e un bacione!

    Reply

  6. Rikachan
    Mar 12, 2011 @ 15:20:34

    Io non ti so dire niente su ciò che dicono i media italiani, non ce la faccio a guardare sia per empatia, sia perché guardare un tg italiano è come guardare una parodia di un tg.
    Mi posso solo immaginare tutto il dolore che si sta provando ora.
    Spero che finisca tutto in fretta! Un bacio grandissimo!!

    Reply

  7. Kotodama
    Mar 12, 2011 @ 16:49:42

    Murasaki sono passata a leggere se stavi bene visto quanto accaduto, stasera mi sei balzata in mente per la serie "oddio la ragazza del forum che abita qui vicino"… ma leggo che tutto sommato sia tu che Toru state bene, è un sollievo anche questo.
    Qui a Ikenoue si è parlato di interruzzione di elettricità e probabile mancanza d’acqua ma fin’ora nulla di tutto ciò è accaduto.
    Sul nucleare in effetti non ci dovrebbe essere il problema che ci fu a Chernobyl, tutto ciò è confermato anche da un esperto dell’ambasciata Francese, però per ora non ci si può definire totalmente al sicuro da una probabile fuga di radiazioni. Domani avremo altre notizie.
    Dai, sono contenta che tu stia bene. Alla fine anche questa esperienza si può dire superata… no?
     

    Reply

  8. ale15981
    Mar 12, 2011 @ 19:42:59

    Ciao! Da poco seguo il tuo blog e non ho mai scritto. Sono stato a Tokyo a Settembre scorso e mi è piaciuta molto. Mi fa molto male vedere quello che sta succedendo in Giappone. Spero che presto tutto si stabilizzi.
    Alessandro

    Reply

  9. Sabrina&Luca
    Mar 12, 2011 @ 20:11:46

    Ciao Alessia.
    Stavo andando al lavoro ed ho sentito la notizia della tragedia che ha colpito il Giappone. Ho subito cercato Sabrina per avere vostre notizie e fino a che non mi ha detto che stavate tutti bene, sarò sincero, sono sempre stato in apprensione. Oggi leggo che finalmente avete avuto notizie dei genitori di Toru. Ne sono, ne siamo felicissimi. Non te la prendere se ti chiamano al lavoro. Non te la prendere se per certe persone è come se non fosse successo nulla. Non te la prendere se per certe ragazze il non poter far acquisti è un dramma. All’ignoranza non c’è limite. Vacci al lavoro e si serena, trasmetti serenità. Abbraccia il tuo Toru da parte nostra e sbaciucchia la tua Ayala. Continua a tenerci informati perchè, come hai previsto, in italia sono bravissimi a fare del terrorismo giornalistico.
    Luca&Sabrina

    Reply

  10. Sabrina&Luca
    Mar 13, 2011 @ 00:05:11

    Abbiamo postato un premio, un ramo di pesca, per te, che sia di buonaugurio!
    Un abbraccio
    Sabrina&Luca

    Reply

  11. ghiska
    Mar 13, 2011 @ 07:39:46

    ragazzi, che incubo, vi siamo vicini, vi pensiamo e vi abbiamo pensato tanto mentre aspettavi toru, mentre cercavate di contattare i suoi, e anche in queste ore di interventi e di incertezze.
    stiamo trascorrendo una mini vacanza di 3 giorni a firenze, che è la città italiana con più giapponesi che io abbia mai visto, inutile dire che ogni due minuti il pensiero corre lì, appena siamo a portata di rete ci colleghiamo per avere notizie.
    finora non abbiamo visto niente di niente in tv, nemmeno accesa, ma posso immaginare la corsa alla tragedia… meglio sorvolare, hanno già detto tutto (tranne gli insulti, ma quelli ce li ho messi io).
    per quanto riguarda i cerebrolesi, in effetti è abbastanza disumano, ma penso che forse sia anche una forma di reazione, una conseguenza estrema dello stoicismo (peraltro ammirervole e a volte provvidenziale) che ha permesso di contenere i danni legati al panico e di mantenere un certo controllo sulla situazione. cosa che per alcuni si traduce in una forma distorta di ritorno di normalità, diciamo. parecchio distorta!
    in conclusione, per ora confidiamo nella prontezza degli interventi, e speriamo che la situazione vada stabilizzandosi fino a far rientrare l\\\\\\\’emergenza…
    vi abbracciamo forte tutti e due (anche paolo, che mentre scrivevo si è riaddormentato), dai una carezza alla piccolina e una virile pacca sulla spalla al guerriero da parte nostra!

    Reply

  12. bakabakashi
    Mar 13, 2011 @ 08:31:51

    Sono proprio contenta di sapere che stai bene! sapevo che a Tokyo ci sono stati disagi e paura, ma che è tutto tornato "normale", infatti ho contattato subito via email i miei amici di penna. Michiko addirittura mi ha risposto dopo mezz’ora, dicendo che subito erano andati in un parco vicino all’ufficio, ma che erano già rientrati.
    Per noi occidentali leggere che i giapponesi davanti a un disastro di queste proprorzioni si comportano quasi come se nulla fosse può suonare disumano e grottesco, ma io credo che la cosa si possa interpretare anche come un meccanismo di difesa: fai come se tutto fosse normale per non perdere il controllo, per allontanare il momento in cui la consapevolezza di ciò che è successo ti assale. Non dico che sia una cosa positiva e condivisibile, però la comprendo perchè, nelle gravi crisi della mia vita, mi sono comportata anch’io così.
    Mi permetto di inviarti un abbraccio!

    Reply

  13. Murasaki
    Mar 13, 2011 @ 14:39:53

    @Pasha:è come dici tu,  softbank è stato il provider più disastrato, non si poteva proprio telefonare nè venerdì nè ieri,oggi invece è tutto funzionante.Devo concordare con te che la reazione al disastro è stata puntuale, encomiabile…in Italia sarebbe stato molto più drammatico
    Zion:il dio denaro,solo quello…Tokyo non ha tremato abbastanza, già hanno rialzato la cresta..
    deniz:ripeto, noi a Tokyo siamo stati super fortunati,io mi sento veramente una miracolata..sai pensare "che bello,sono viva"in continuazione?
    @Blue Hell:grazie, siamo solo preoccupati per le centrali nucleari, e certo non possiamo essere spensierati mentre mostrano lo sfacelo che c’è stato a Miyagi e Iwate, ma stiamo bene!!!
    @Rikachan:soprattutto studio aperto..
    @Kotodama:il tuo messaggio mi fa piacere perchè vuol dire che anche tu sei al sicuro!!senz’altro questa esperienza mi ha ricordato quanto sia preziosa la vita. Se ti serve qualsiasi cosa, contattami(magari un po’ di pet therapy, anche Ayla si è offerta volontaria)!!!
    @ale15981:grazie Alessandro, lo spero anch’io..
    @Sabrina&Luca: grazie ragazzi, mi dispiace di avervi fatto preoccupare e sono contenta di tutti i messaggi che mi avete mandato.Grazie per il premio, e pensare che tra un po’ è stagione di fioritura…
    @ghiska:io e Toru non vediamo l’ora di rivedervi alla festa e lasciarci alle spalle questa situazione!
    @bakabakashi:senz’altro le persone vogliono dimenticare…ma gli sprechi di energia di Tokyo li reputo comunque vergognosi, inutile tenere aperti i grandi magazzini quando tutto il paese si presta al risparmio energetico

    Reply

  14. Sberla
    Mar 13, 2011 @ 23:38:00

    Tieni duro… vi sono vicino per quanto possa esserlo dall’Italia.
    Continuerò a leggere il tuo blog in attesa di buone nuove.

    Reply

  15. Nic
    Mar 14, 2011 @ 10:56:04

    Onestamente, pare ci siano dubbi sulla versione ufficiale delle autorita’ giapponesi sulla fuga radioattiva. Se fosse possibile per te, tornerei per un po’ in Italia con Toru e Ayla. In Belgio e Francia hanno dei forti dubbi sulla tenuta delle centrali giapponesi.
    RIguardo al terrorismo emdfiatico, sara’ pure vero che in Italia esagerano, ma all’inizio si parlava di 10 vittime ora sono gia’ migliaia e purtroppo saranno sempre di piu’: lo tsunami ha spazzato via intere citta’ e villaggi.
    Per il resto tienici aggiornati sulla situazione.
    Vi pensiamo anche se non ci conosciamo affatto.

    Reply

  16. Tokyonome85
    Mar 14, 2011 @ 11:06:40

     Ale, come ti ho già scritto in facebook, sono contentissima che state tutti bene. Infatti, ero molto preoccupata ma il portinaio mi ha rassicurata. Come altri ragazzi che hanno commentato, mi sono commossa leggendo le tue parole, questo perché comunque noi lettori del tuo blog, ci siamo affezionati a voi 3 anche se non ci conosciamo di persona.
    Continuo a pensare a questa tragedia e ti giuro mi viene da piangere. Continuo a vedere la bbc e la nhk che sono più affidabili, e continuo a leggere le notizie che pubblichi.
    Vi abbraccio e non ci fate preoccupare 🙂

    Reply

  17. Heaven
    Mar 14, 2011 @ 14:51:21

     Ciao, io sono in spagna adesso ma stiamo tutti con gli occhi fissi sul giappone. Qui ci sono erasmus giapponesi e stiamo facendo il possibile per loro ma è una tragedia immane. Spero solo che altri miei amici che sono lì e che non sono riuscito a sentire stiano bene. E sono contento che voi stiate tutti e tre bene. Aggiornaci il più possibile perchè le notizie che arrivano sono disastrose, anche quelle sul nucleare.

    Reply

  18. Pasha
    Mar 14, 2011 @ 17:01:52

    Premesso che non sono un ingegnere nucleare quindi non ho competenze specifiche in materia, credo comunque che questa scheda approntata dalla BBC possa essere utile per capire un po’ meglio cosa sta capitando 8e cosa potrebbe o meno capitare) a Fukushima:
    http://www.bbc.co.uk/news/world-asia-pacific-12732015
     

    Reply

  19. Zion
    Mar 15, 2011 @ 10:38:58

    Io spero tanto che possiate lasciare tokio…non so se è allarmismo o no, ma qui in italia dicono che c’è una nube radioattiva nociva che sta arrivando sulla città.
     

    Reply

  20. Nic
    Mar 15, 2011 @ 11:06:46

    Andate via anche l’ambasciata italiana lo consiglia:
    "Molti nostri connazionali sono a Osaka e in altre città del Giappone: per chi lavora qui il consiglio di base è mandare via i familiari, anche in Italia". E’ il consiglio dell’ambasciatore italiano a Tokyo, Vincenzo Petrone, secondo cui "il rischio di contaminazione c’è" e, naturalmente, mette in primo piano la capitale Tokyo, distante circa 230 km dalla centrale di Fukushima.

    Reply

  21. deniz
    Mar 15, 2011 @ 13:33:19

     io invece ho sentito che oggi hanno registrato a tokyo dei lvelli di radioattività lievemente sopra la norma ma niente di preoccupante

    Reply

  22. Dani
    Mar 15, 2011 @ 14:18:29

     Oddio Alessia!!!!
    sono COSì CONTENTA di leggere che state tutti bene!!!!! Ho pensato tanto a te, a Toru e alla tua famiglia Giapponese e ho pregato che foste tutti al sicuro e salvi! sono così sollevata! come stai ora? cosa avete deciso di fare? aspetto tue notizie. Daniela 

    Reply

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Standing Ovation, Seated

HELPING PEOPLE UNDERSTAND ART

Sapori diVini

...altro che kimono e fiori di ciliegio!!

Imago Recensio

...altro che kimono e fiori di ciliegio!!

Obsidianne

Rust Rage Red Ravaging Restless

BUROGU: Occhi sull`Impero

Riflessioni semiserie di italiani che, per forza o per passione, vivono in Giappone

Greeneyed Geisha

...altro che kimono e fiori di ciliegio!!

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

%d bloggers like this: