Paris- Parte prima

Il 19 Agosto è la data in cui, entrambi per la prima volta, abbiamo visitato la "Ville lumière"

Siamo partiti da Nizza verso le 10,come sempre salutati da una bellissima giornata di sole. Ho lasciato di nuovo la mia città e la mia famiglia con sentimenti contrastanti: di dispiacere, come è comprensibile; di sollievo (uno dei miei incubi ricorrenti nei primi mesi in Giappone è stato quello di tornare in Italia e poi per qualche ragione non riuscire a salire sull’aereo di ritorno per Tokyo), perchè sapevo che c’erano ancora delle cose da fare prima di ritenere la mia esperienza giapponese finita, e anche di contentezza, perchè dopo due settimane un po’ sballottati tra un amico ed un parente saremmo riusciti a starcene un po’ da soli.

Siamo atterrati in perfetto orario,ma una volta lasciati i bagagli al deposito e lasciato l’aeroporto,ci siamo subito trovati in difficoltà alle macchinette per i biglietti dell’ RER e metro,che accettavano monete o carta di credito,non banconote. Abbiamo tagliato la testa al toro e ci siamo messi in fila (mezz’ora!) allo sportello, comprato un biglietto chiamato "Paris visite" che consente di usare tutte le linee della metro e dell’RER, e via verso la città.

Dalla Gare du Nord abbiamo raggiunto rapidamente e senza intoppi il nostro hotel, in zona Montmartre, più precisamente vicino alla fermata La Chapelle. Devo ammettere però che le facce losche che abbondano nella zona ci hanno pietrificato, e stavolta non c’è stato bisogno di ricordare a Toru di fare attenzione alle borse. Il receptionist che ci ha accolto non ci ha nemmeno chiesto un documento, ci ha fatto pagare subito, e ha scherzato un po’ tirando fuori toponimi a caso tra cui "Takadanobaba" e "Sapporo"(la connessione tra i due mi è ignota). Posati i bagagli,abbiamo iniziato il mio tour ferreo (di cui sono riuscita a vedere tutto,tranne fare la crociera sulla Senna per i motivi che vi spiegherò ).

Prima Tappa, gli Champs Elysées. Toru ha realizzato un altro dei suoi (innumerevoli, e grazie a Dio che è così!) sogni, cioè percorrerli ascoltando (e canticchiando) questa canzone:

 

Dopo aver ammirato l’Arco di Trionfo, abbiamo ripreso la metro, meta: la Torre.

Proprio come una mia amica mi aveva raccontato, la cosa di Parigi che più mi ha colpita sono stati gli spazi immensi…le grandi piazze, i ponti, gli edifici. Una sensazione di città ariosa, e regale. Solo la Torre mi ha un po’ delusa, e qui dirò una cosa per cui verrò lapidata: mi ha emozionata di più la Torre di Tokyo. Forse per quello che rappresentava per me, forse perchè è più colorata e "tamarra". Noi ce l’abbiamo più grande,punto e basta 😛

La meta successiva è stata lei, la Signora di Parigi

Regale, come solo un capolavoro del Gotico può essere. Sul sagrato stavo per lapidare la mia dolce metà, che continuava a storpiare il nome in "Saint Michel"(?), ma poi vedere riflessa nei suoi occhi la mia stessa meraviglia mi ha regalato un’altra emozione. Non ho fatto nessuna foto all’interno per non violare la sacralità della Cattedrale, anche perchè si stava celebrando la Messa (siamo arrivati intorno alle 6). Vergognose le orde di americani che ironizzavano perchè all’entrata c’era scritto di levarsi il cappello, e i cinesi schiamazzanti. Sti cinesi sono stati la presenza fissa del nostro viaggio in Europa, hanno davvero svuotato i negozi (e le bballe, brutti maleducati puzzoni e petulanti!!! <__<  Godetevi il vostro boom, vedrete che orzo tra 20 anni muahahaha). Un po’ mi è dispiaciuto che il rumore e la maleducazione abbiano in parte tolto suggestività alla visita, ma i riflessi multicolore del rosone centrale sono uno spettacolo che difficilmente dimenticherò.

Da Notre Dame abbiamo percorso il lungo Senna, e ci siamo goduti veramente la passeggiata, tranquilla e suggestiva

un sosia di Toru

Pont Neuf

5 Comments (+add yours?)

  1. TUA SORELLA
    Sep 05, 2010 @ 01:53:54

    "perchè dopo due settimane un po’ sballottati tra un amico ed un parente saremmo riusciti a starcene un po’ da soli."
    Ma ti manderei affanculo <______< Ci vivi insieme, cazzo dovete stare un po’ da soli? è___é

    Reply

  2. TUA SORELLA
    Sep 05, 2010 @ 01:57:57

    E mi è venuta ancora più voglia di vedere Parigi ;_______;

    Reply

  3. Murasaki
    Sep 05, 2010 @ 14:09:12

    @Mia sorella:♥

    Reply

  4. TUA SORELLA
    Sep 05, 2010 @ 23:10:28

    Ti sparo nelle ciappe.

    Reply

  5. Murasaki
    Sep 06, 2010 @ 05:11:06

    percuotimi tutta ;_;

    Reply

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Standing Ovation, Seated

HELPING PEOPLE UNDERSTAND ART

Macaronea

Considerazioni sparse di una prof di lettere.

Sapori diVini

...altro che kimono e fiori di ciliegio!!

Imago Recensio

...altro che kimono e fiori di ciliegio!!

Obsidianne

Rust Rage Red Ravaging Restless

BUROGU: Occhi sull`Impero

Riflessioni semiserie di italiani che, per forza o per passione, vivono in Giappone

Greeneyed Geisha

...altro che kimono e fiori di ciliegio!!

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

%d bloggers like this: