Le nostre vacanze – Parte seconda.

Ma prima,la telefonata di stamani.

Scuola di lingua: salve, lei sarebbe disponibile ad insegnare presso la nostra sede da tot ora a tot ora il ***dì?

Io: certamente (prendo carta e penna)

SdL: Si ma senta, lei da che parte di Italia verrebbe? Perchè ci sarebbe questo studente che vorrebbe lezioni di NAPOLETANO

Io: wtf?

 

E la giornata inizia con tanta allegria. Niente contro i napoletani (tranne Roberto, se mi leggi!♥), ma cosa diavolo ci fa un giapponese con delle lezioni di napoletano(ho iniziato a pensare di tutto, ad un amante della canzone, ad un aspirante pizzaiolo, ad un folle). Tutti con la coppola in testa e le mani sporche di farina. Siamo noi, gli italiani a Tokyo, e non ci separeremo mai dal nostro mandolino.

(fine sfogo)

Riprendiamo il discorso vacanze, lasciando lo spazio al buon Toru.

Fase uno-Mamma ti voglio bene!(ovvero l’approccio con la mia famiglia)

Toru è una bella faccia di cocco. La cosa bella di lui è che è la persona meno cerebrale del mondo. Il giapponese a tavola si inchina prima al tavolo, poi al commensale,poi calcola col goniometro l’angolo tracciato dal gomito dei vicini mentre alzano le bacchette in modo da non alzarle di più, sta attento a non riempirsi troppo il piatto,e mille altre formalità(ovviamente la sto esagerando, ma tanto per far passare il concetto), Toru si è visto una piattata di roba e una bottiglia di vino buono davanti, ha spalancato la bocca in un’espressione di meraviglia e via, mangiare come se non ci fosse un domani. E sfoggio di un ricco vocabolario: "buono" "buonissimo" "mi piace""buon appetito" "ancora" ,ma soprattutto l’invincibile "mamma ti voglio bene".

"Su,stasera andiamo a mangiare la pizza"e lui: "Mamma ti voglio bene". "Oggi ho preparato l’agnello"-"Mamma ti voglio bene". Hell yeah!

Utile anche con la nonna nella variante "Nonna ti voglio bene". Ora, avete presente la nonna di Titti, o quella dei detersivi? Ecco, scordatevela. Mia nonna non è così, diciamo che è un tipo un po’..orsigno. Ma il grande Toru ce l’ha fatta anche stavolta:

Toru:"Piacere, mi chiamo Salvatore!(e ridaglie con Nuovo cinema paradiso)

Nonna: "Come mio figlio!!!!(il fratello minore di mia mamma in effetti..)"

Toru: "Nonna ti voglio bene!"

ottimo. quota due. Toru è ormai lanciato, squadra che vince non si cambia.

Atto terzo: mio padre riesce a trovare un modo per far funzionare il caricabatterie della sua macchina fotografica

Toru: "Grazie papà, ti voglio bene!"

il signor Renato: "Ma sta zitto, pezzo di ricchione!!"  Epic fail.

Insomma,non ho ancora capito se i miei si siano rassegnati o meno a questo animaletto con gli occhi buffi, ma penso siano stati presi per sfinimento. O hanno capito che dargli contro è proprio come sparare contro la Croce Rossa.

Ah, riguardo le razzie al frigorifero, c’è da dire a sua discolpa che una volta mi ha chiesto se fosse il caso di fare complimenti a tavola. A quel punto, i miei anni di sofferenza all’estero han risposto per me "Mangia, figliolo, che quando torneremo saremo di nuovo a pane e m*rda(vedi punto due). E tieni conto che a volte mancherà anche il pane".

(se non si fosse capito dalla foto,a Toru l’Italia non piace)

 

Fase due- La m*rda!
Toru ha imparato che a partire da questa parolina si può costruire un’intera frase,o un intero discorso. Ed ecco che gli si è aperto un magico mondo, "tutto è m*rda ": il brutto tempo, Trenitalia, i tailandesi, qualsiasi cosa…e non gli si può dar torto. Il problema è stato da quel momento farlo uscire da questo catastrofico schema mentale, e riportare la conversazione a temi più consoni

Fase tre- Tettissimo!

Una delle nostre giornate l’abbiamo passata mollemente distesi sull’amena spiaggia di Villefranche sur Mer, un delizioso paesino vicino a Montecarlo.

Una scaletta unisce la piccola stazione a due binari alla spiaggia, che non è poi così diversa da quelle liguri. O almeno per me. Toru poggia l’asciugamano a terra, rimane in piedi un po’ imbambolato, gira la testa a destra, a sinistra, poi mi guarda e pronuncia una sola parola: "Tettissimo". La tradizione francese del topless si è rivelata a lui in un momento che oserei dire epifanico. E le sue richieste di scavalcare la frontiera si sono fatte da quel giorno sempre più pressanti.

Fase quattro- Ventimiglia,saikou!!

Mi piaceva l’idea di far vedere a Toru qualche monumento importante, o qualche posto carino di cui potersi vantare con colleghi e parenti,ma non c’è stato niente da fare. Ventimiglia,saikou, ossia: Ventimiglia è il massimo. Ecco alcuni miei tentativi(falliti):

a Dolceacqua(borgo medievale nell’entroterra ligure, ad una ventina di minuti in autobus da casa)

mia foto

sua foto (e prima stava fotografando solo la birra)

mia reazione

A Verona, a pochi passi dall’Arena

A Milano,in zona Navigli (con mia sorella)

E’ il caso di continuare?

 

 

8 Comments (+add yours?)

  1. Rikachan
    Aug 28, 2010 @ 11:29:41

     Bentornata Murasaki 😀 Non ti chiedo come sono andate le vacanze perché ce lo stai dicendo nei post XD E mi sto spanciando! X°°°D
    Cerca di non ammalarti più >___< siamo uguali, anche io mi ammalo per niente! Ho la febbre ora D:

    Reply

  2. Tokyonome85
    Aug 28, 2010 @ 11:52:06

     ahahahah!che idolo Toru! E comunque alla fine con i tuoi non è stata poi così tragica no?
    Tu però cerca di farti qualche accertamento perché la salute non va presa superficialmente.

    Reply

  3. Sabrina&Luca
    Aug 28, 2010 @ 19:16:43

    I tuoi secondo me sono rimasti conquistatissimi da Toru, in certi momenti è disarmante e poi considera che col suo ristretto vocabolario di italiano deve sfruttare le poche parole che sa! Lo sai che mi hai fatto piegare in due dalle risate? Sei mitica.
    Sabrina

    Reply

  4. Murasaki
    Aug 30, 2010 @ 06:38:41

    @Rikachan: spero che la febbre sia scesa!A me c’è voluta una settimana,ma sembra che anche questa sia passata.
    @Tokyonome85:anche in patria ho trovato imbarazzante le risposte dei medici; mi hanno trovato una leggera anemia, ho chiesto consigli e mi han detto che non c’è molto da fare.Boh!Cercherò di non soccombere a Tokyo, devo dire che in Europa stavo benone.
    @Sabrina&Luca: ebbene sì,sembra che i miei abbiano capitolato..e non ti dico quanto sono felice! Per la cronaca, Toru ha già fatto fuori mezza bottiglia di limoncello fatto in casa che si è portato come bottino di guerra.

    Reply

  5. TUA SORELLA
    Sep 03, 2010 @ 01:24:45

    "Toru: "Grazie papà, ti voglio bene!"
    il signor Renato: "Ma sta zitto, pezzo di ricchione!!"  Epic fail."
    Ma non ha detto ricchione!! XD

    Reply

  6. Murasaki
    Sep 03, 2010 @ 02:03:30

    @Mia Sorella: si si,l’ho ha detto eccome(per scherzare,ovviamnete)!Mi ricordo anche che Toru mi ha guardato per una traduzione che non è mai arrivata ._.

    Reply

  7. TUA SORELLA
    Sep 05, 2010 @ 01:55:55

    Lo so che l’ha detto per scherzare, ma ero sveglia nel letto quando l’ho sentito.. <.<
    Era qualcosa sempre con "chi"

    Reply

  8. Murasaki
    Sep 06, 2010 @ 03:08:29

    secondo me è un altro "episodio",perchè era pomeriggio e tu eri in sala!!

    Reply

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Standing Ovation, Seated

HELPING PEOPLE UNDERSTAND ART

Sapori diVini

...altro che kimono e fiori di ciliegio!!

Imago Recensio

...altro che kimono e fiori di ciliegio!!

Obsidianne

Rust Rage Red Ravaging Restless

BUROGU: Occhi sull`Impero

Riflessioni semiserie di italiani che, per forza o per passione, vivono in Giappone

Greeneyed Geisha

...altro che kimono e fiori di ciliegio!!

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

%d bloggers like this: