Estate, benvenuti fantasmi!

In Giappone l’estate è la stagione dei racconti del terrore. A quanto pare l’unico modo di rabbrividire in mezzo al caldo soffocante.

Da ieri è iniziata la stagione delle piogge, parola che per anni mi ha evocato il film laguna blu, enormi foglie verdi di palma, oceano in rivolta, una capanna sperduta.

 

La stagione delle piogge a Tokyo è però assai meno poetica, l’acqua che scende ha un brutto odore di smog…e scende a fiumi!

 

 

per tornare ai racconti dell’orrore, ieri durante la lezione una mia studentessa per rimediare al caldo mi ha proposto una storia di fantasmi e mi ha fatta cacare sotto. Maledetta suggestionabilità!

Non salirò mai su una macchina bianca per salire una stradina di montagna,ecco u.u.

 

Comunque, c’è un altro fantasma che mi assilla da una settimana circa e assillerò anche voi:

lunedì scorso percorrevo la solita strada casa-stazione per una lezione nella ridente Funabashi, quando vedo una cosa che non avrei mai voluto vedere..un gattino,ma proprio piccolo piccolo,era accasciato per terra con la tempia ricoperta di sangue,ormai morto.

Le vecchie che passavano esclamavano "kimochi warui"(in pratica "che schifo") e tiravano dritto allungando il passo. Io sono rimasta di pietra ;___;.

Gli animali mi piacciono molto,ma ho sempre preferito i cani ai gatti e sinceramente non ho mai pensato di prendermi un micio in casa,anche se giocare con quelli degli altri mi diverte…

…però quel miciottolo che sembrava quasi addormentato, lì sull’asfalto, evitato da tutti…. T_______T

fatto sta che ci ho pensato tutta la giornata e per scacciare l’immagine ho fatto di tutto, sono anche andata a comprare uno yukata nuovo in un negozio in saldo con Toru (e gli ho regalato dei geta fighissimi) che era stato bombardato dai miei messaggi disperati tutto il giorno..e poi siamo stati in un’izakaya dove sono scoppiata a piangere per l’ennesima volta O___O". Toru ne ha approfittato perchè vuole prendere un gatto a tutti i costi e mi ha strappato una mezza promessa che se ne portasse a casa uno non li sbatterei fuori entrambi (ma il Norvegese delle Foreste che è il gatto dei nostri sogni costa come un mese dei nostri stipendi messi assieme,porca miseria. Meglio un gattino randagio,male che vada ci vengono le pulci)

Il giappone mi ha resa più forte su tante cose,ma ho notato che le mie emozioni sono diventate molto più violente,e la mia sensibilità è cresciuta a livelli cosmici: vedo uno di quei programmi che piacciono tanto a loro in cui succedono disgrazie, e piango; un cucciolo maltrattato, e piango; storie di malattie incurabili, penso ai miei nonni e piango;oggi mi arriva un’email in cui mio padre mi dice che il sacrestano della mia parrocchia è morto, e piango. Una fontana…

Così adesso ogni volta che passo per quella strada mi sento male e penso al gattino che forse è diventato un gatto-angelo con le alucce, o più probabilmente,essendo un gatto giapponese, uno spirito inquieto che tormenterà in eterno il suo uccisore (a bordo di una macchina bianca,magari).

Cambiando argomento, una nota di colore in questo grigiore assurdo: l’ibiscus di cui Toru si prende amorevolmente cura è fiorito anche quest’anno ♥ l’acqua gliela do sempre io *_*

I dubbi esistenziali di oggi:

1)Siccome non mi faccio mai i fatti miei,ho sbirciato nell’appartamento del vicino ruttone e ho scoperto, oltre a scatoloni e immondizia ovunque, una cassa da sei bottiglie di pepsi next,da un litro e mezzo se non sbaglio. Bisognerà prepararci al fuoco nemico. Ah, è cinese.

2)Perchè la parola "pene" in giapponese si dice 陰茎, cioè "bastone dell’ombra"? Manco parlassimo di "guerre stellari" o del nuovo scettro di Saruman. 

*edit*: 陰 vuol dire anche "nascosto,privato",quindi il significato non è poi così apocalittico,ma a me piace lo stesso pensarla così.

3) Ieri sera tornando a casa da un incontro di italiani doc (grazie ragazzi!) ho visto l’ennesima cosa che non dovevo vedere: un tizio che sotto la pioggia, nel parco giochi che usano i bimbi della scuola elementare vicino casa, salutava la stagione delle piogge a modo suo. E pensare che proprio a cena avevamo parlato tra noi di come la sessualità in Gappone sia disturbata e, per certi versi, disgustosa. Se lo becco di nuovo chiamo i "super cop" del koban. schifoso. <__<

Per concludere,visitando il blog del fotografo del matrimonio di Yuu,ho trovato queste(me le devo far spedire in alta risoluzione!)

 

7 Comments (+add yours?)

  1. TUA SORELLA
    Jun 14, 2010 @ 14:44:05

     
    "vedo uno di quei programmi che piacciono tanto a loro in cui succedono disgrazie"
    Eh?
    Povero micio, ma è morto Papalia (o come si chiamava)??
    Voglio vedere le foto io, e quel fiore porta insetti.
    Scusa se scrivo a frasi spezzate ma son rincoglionita =_=

    Reply

  2. Rikachan
    Jun 14, 2010 @ 15:18:38

     Anche a me succede di piangere per tutto, da un paio d’anni a questa parte. Non capisco…
    Povero micinooo =( Mi sono ricordata di uno dei figlioletti della mia gatta che è morto, povero piccoloo ;____; Prendete un gatto, sono così cicciottosi e morbidi! Io ne ho due!
     

    Reply

  3. Tokyonome85
    Jun 14, 2010 @ 22:50:29

    Come sei carina!!! Comunque ancora una volta trovo qualcosa in comune con te, anche io sono diventata molto sensibile ultimamente. In poche parole piango sempre, soprattutto se si tratta di bambini o animali. L’ultima era riguardo gli orsi della luna in Cina…ma vabbè, questa è un’altra storia. Ti devo dire che anche io preferisco i cani (ho un cocker in Italia) ma un gattino non mi dispiacerebbe.
    Il vicino è cinese? perchè la storia dei rutti non mi stupisce allora!:-)
    Per non parlare del tizio sotto la pioggia…

    Reply

  4. Murasaki
    Jun 15, 2010 @ 06:50:27

    @Mia sorella: programmi in cui succedono sempre cose orrende tipo la mamma ha il cancro,dà alla luce il figlio e poi muore, oppure storie di bambini sordomuti e chi più ne ha più ne metta. In pratica storie tragiche che fanno piangere così le cotonate in studio fanno vedere che versano la lacrimuccia…
    @Rikachan: mi sa che prima o poi un micio me lo ritroverò in casa…ma voglio anche un cane,ecco ( e faremo la fame in quattro!!)
    @Tokyonome85: si ho visto la tua Milla sul blog!!E’ fantastica..ti ho commentato un post su di lei.anche io avevo un cocker T^T..insostituibile

    Reply

  5. Tokyonome85
    Jun 15, 2010 @ 12:54:42

     Visto ora, bello il cocker tricolore, mi piace tanto. Milla mi manca tanto e per questo spero che in un futuro potrò avere vicino un cane, ne ho proprio bisogno.

    Reply

  6. Lost Potato.
    Jun 17, 2010 @ 16:29:27

    Aww ma che belle le due foto del matrimonio! >.< Il vestito che hai scelto alla fine, mi piace tantissimo, sia per il modello, che le sfumature di colore ♥ Inoltre sono contenta che tu abbia svelato il mistero appartenente alla nazionalità del tuo vicino XD E per fortuna che hai sbirciato: conosci il tuo nemico +w+ .. Poi ho letto la storia del micino çwç Poverino, davvero, magari anche se preferisci i cani, riuscirai ad apprezzare maggiormente i gatti portandotene uno a casa 😀 Ma si, prendi un randagio, costa meno (o non costa nulla), e ti dà lo stesso affetto di un altro gatto U_U Tanto puoi sempre farlo vaccinare no? =)
    Buona stagione delle piogge XD Spero non ti raccontino nient’altro di troppo pauroso >.<)/
    Ah! Il fiore d’Ibisco è bellissimo *-*

    Reply

  7. Murasaki
    Jun 18, 2010 @ 03:49:35

    @Lost Potato: grazie!anche a me quel colore piace un sacco!
    Purtroppo nel nostro appartamento è vietato tenere animali, ma in qualche modo faremo!

    Reply

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Standing Ovation, Seated

HELPING PEOPLE UNDERSTAND ART

Sapori diVini

...altro che kimono e fiori di ciliegio!!

Imago Recensio

...altro che kimono e fiori di ciliegio!!

Obsidianne

Rust Rage Red Ravaging Restless

BUROGU: Occhi sull`Impero

Riflessioni semiserie di italiani che, per forza o per passione, vivono in Giappone

Greeneyed Geisha

...altro che kimono e fiori di ciliegio!!

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

%d bloggers like this: