Il Matrimonio del Suo Migliore Amico

Glissando sull’ennesimo mal di gola che mi sta facendo fare delle belle figure da cioccolataia in classe, mi sono resa conto che un nuovo sciagurato evento è ormai prossimo: "Il matrimonio del suo migliore amico".

Facciamo un passo indietro e siamo a febbraio. Il coinquilino di Toru,trincone dal dubbio gusto in fatto di cappelli, in una splendida mattina di sole decide di levarsi dalle scatole e migrare a Nagano,ove si sarebbe sposato qualche settimana dopo."Venite alla festa di giugno,eh" ci dice mentre sale sul furgone e io "si si.." agitando la manina. "fuori dalle balle" .

 

La legge del karma però era pronta a punire la mia immotivata allegria con un immane castigo: la cerimonia di nozze giapponese.

 

Sembra che dopo una prima cerimonia formale in chimono(oddio come sono italiana in questo momento!-kimono va),con scambio degli anelli, sia consuetudine un ricevimento,come in Italia.Tutto normale, ma questa è la solita teoria.

I due sposini  hanno fatto la cerimonia formale con i parenti stretti a marzo(a cui ha partecipato il buon Toru da solo) e hanno indetto un party per il primo giugno.

"Massì, una festa come tante, mi scoccia perdere un giorno di lavoro ma pazienza.." ho pensato,ma la settimana scorsa l’amara scoperta:

La festa si divide a sua volta in due parti; nella prima c’è l’annuncio ufficiale di matrimonio (ancora!?), con la sposa "tutta cunzata" col vestito bianco pacchianissimo che leggerà una lettera commovente a suo padre (e qui sono dolori visto che le forzature non mi commuovono molto. Evvai con l’ennesima figura da cinica gaijin). Nella seconda parte, dopo la pappa (qualsiasi pappa è benvenuta),c’è un’altra festa informale in cui c’è un’altro cambio d’abito degli sposi e musica,frizzi e lazzi. Roba che i matrimoni del nostro sud sono bazzecole..

Contavo di fare la mia apparizione con un vestito comprato al massimo da H&M, media lunghezza,colore sobrio, taglio semplice e via. E no.

Per sicurezza chiedo alla fidanzata del fratello di Toru,anche lei invitata, come si sarebbe vestita,e lì vengo fulminata. "Massì. oggi sono andata al Parco di Shibuya (che non è un parco ma un centro commerciale,boh!),ne ho trovato uno carino,azzurro,semplice…200euro." Estica….!!!!

"Ah,ma poi devo andare dall’estetista,dal parrucchiere,e devo ancora comprare le scarpe. E il vestito per la seconda parte della festa."

Una nuvola nera alla fantozzi mi oscura la vista e la sera stessa dico con occhi lividi a Toru "Io non vengo…."

 

Per una che per mettersi qualche yen da parte deve fare le capriole all’indietro, sentirsi dire così è uno shock. In più c’è la famosa "busta",in cui Toru pensava di mettere 10.000yen a testa,e di nuovo la fidanzata del fratello di Toru "Ma va, nei matrimoni come minimo sono 30000yen a testa".

Ma va a pascolare,fidanzata del fratello di Toru(che le cambiano il nomignolo ogni 5 minuti e non so come cavolo chiamarla)

A dirla tutta mi aspettavo una cerimonia così da dorama solo nella capitale,non nella ridente campagna di Nagano in mezzo alle mucche..dunque mercoledì dovrò cercare questo benedetto vestito, che col mio senso pratico da italiana sarà comunque il tipo di vestito che avevo progettato di comprare(qualcosa di semplice da poter riutilizzare).

In tutte le storie c’è però la fata madrina,che in questo caso è la mamma di Toru: avendo il sentore della mia pezzentaggine ha detto che mi manderà un buono da spendere per gli onerosi acquisti e mi presterà la sua clutch di chanel. Sì,perchè in questo paese se non hai una borsa di marca sei meno di zero. E io cammino bellamente a temperature polari mentre le bimbette del liceo con la loro Vuitton (magari regalo del loro "amico di 50 anni", vedi enjo kosai) mi guardano con compassione e io guardo con compassione loro,chiedendomi se davvero vale la pena di arrivare a tanto.

Dulcis in fundo, ieri arriva la telefonata dell’amico di Toru "Non è che potreste preparare una canzone per la festa?" Tipo Albano e Romina? No comment…

in questo paese son tutti lì a far ballare la scimmia…

♫~Enjoy the silence-Tori Amos

 

 

 

10 Comments (+add yours?)

  1. soki
    May 17, 2010 @ 13:22:38

     ahahahahaaahhahahah se sul serio fate un duetto stile albano e romina PRETENDO il video

    Reply

  2. Murasaki
    May 17, 2010 @ 14:04:24

    "Felicità…è un bicchiere di vino con un panino la felicità..scendi le scale incontri Pasquale la felicità…apri il cancello ti sfasci l’…
     
    …la felicità felicità felicità!"
     
    se la gioca con trottolino amoroso du du dadada!

    Reply

  3. soki
    May 17, 2010 @ 14:27:42

    ahahah fossi in te mi darei malato

    Reply

  4. Tokyonome85
    May 17, 2010 @ 20:55:26

     uauauauauah!te lo giuro, con questo post mi hai fatto morire!!. Comunque la storia della gaijin al matrimonio giapponese la conosco a memoria perchè la mia sensei ha pensato bene di spenderci due lezioni (facendo finta di spiegare grammatica), con relative spiegazioni riguardo le buste, i vestiti e tutte le storie varie correlate…Però se ti posso dire la mia non ti fare troppissimi problemi, io per esempio ho un matrimonio a settembre (sono la fidanzata del fratello della sposa, mica pizza e fichi!) ho trovato il vestito la settimana scorsa in un negozietto sperduto di Covent Garden pagandolo solo 25 sterline e devo ammettere anche che non sembra da poveracci, anzi, fa la sua porca figura. Quindi non disperare, e se dovessero sparlare perchè non hai la borsa Louis Vuitton ‘sti gran c…
     

    Reply

  5. Murasaki
    May 18, 2010 @ 02:12:28

    eh, in europa c’è ancora un po’ di buon senso..

    Reply

  6. Echo
    May 18, 2010 @ 11:41:47

    sto ancora ridendo come una cretina davanti al pc…no perchè io la borsa di Vuitton la prenderei al primo angolo della strada, clamorosamente finta ma almeno riuscirei a tenermi i soldi per fare la spesa e comprare beni di prima necessità…si sente che è un periodo di magra eh??!!

    Reply

  7. Murasaki
    May 18, 2010 @ 11:58:59

    @Echo: e fai bene..ci sono cose più importanti!Anche a me farebbe piacere avere una bella borsa, ma penso che butterei via cifre così alte solo se fossi più che benestante (e non senza qualche remora)

    Reply

  8. TUA SORELLA
    May 18, 2010 @ 16:40:06

    Ahahahahah!
    Non ho voglia di citare tutto, ma… chemmerda! CantaCI Fiki Fiki e vedi come sono contenti.
    Voglio anch’io un vecchio che mi mantenga (ma anche non vecchio va bene, eh)

    Reply

  9. Lost Potato.
    May 18, 2010 @ 23:50:54

    Ciao! Sono capitata sul tuo iobloggo per caso, e le tue "vicende" mi hanno incuriosita parecchio >.< Vorrei aggiungere il tuo blog ai preferiti, in modo da restare "aggiornata" XD Spero non ti dispiaccia >.<” Ti auguro buona fortuna per quanto riguarda la scelta del vestito, sono sicura che alla fine troverai quello giusto, riutilizzabile e tutto sommato non troppo caro. Una risparmiatrice sa sempre trovare una via d’uscita, anche nelle situazioni che sembrano impossibili +___+)9 Buona settimana *^*)♥

    Reply

  10. Murasaki
    May 19, 2010 @ 01:25:17

    @Mia sorella: "Sulla sabbia che scotta mi son preso una cottaaaa".genio!
    @Lost Potato:benvenuta e che nick carino!! *__*

    Reply

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Standing Ovation, Seated

HELPING PEOPLE UNDERSTAND ART

Sapori diVini

...altro che kimono e fiori di ciliegio!!

Imago Recensio

...altro che kimono e fiori di ciliegio!!

Obsidianne

Rust Rage Red Ravaging Restless

BUROGU: Occhi sull`Impero

Riflessioni semiserie di italiani che, per forza o per passione, vivono in Giappone

Greeneyed Geisha

...altro che kimono e fiori di ciliegio!!

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

%d bloggers like this: