Uno su mille ce la fa…

La voce pian piano sta tornando, anche se oggi assomiglia a quella di quello stronzo di Topo Gigio (o a quella di un qualsiasi ferroviere delle linee Seibu,ma l’avete notato che li prendono tutti con quella voce???).

Oggi ho solo un’ora di lezione,teniamoci care le chiacchiere del salaryman annoiato dalla propria vita e dai soldi che non sa come spendere (io suggerisco di metterli sul conto corrente "Adotta una Murasaki",dovrei creare anche il bannerino qui con una foto di me emaciata che porgo una ciotola vuota,magari invitare Giobbe Covatta – "basta poco che ce vo’?")

Ieri ho passato la giornata in casa, dedicandola al net surfing visto che da domani dovrò aspettare la linea nella casuccia nuova e ho già litigato con la so-net per il loro ritardo di due settimane dovuto al fatto che non trovavano l’indirizzo(telefonare no,eh?).

Ho trovato tantissime risorse online  per il giapponese e ho studiato qualche ora (tanto per non perdere tempo) ma sono anche capitata su moltissimi blog sul giappone,alcuni italiani, altri stranieri.

Ho notato una differenza sostanziale tra i blog dei compatrioti e quelli dei "barbari"(cioè gli anglofoni),come li chiamava il mio amico Ema; i blog degli italiani sono molto piu’ pucciosi e positivi,ci sono quelli del tipo "ke fiko il jappone mo’ vado ad harajuku o a shimokitazawa e mi bevo i risparmi di quei due vekki dei miei genitori" (e sono tutti di studentesse che in giappone ci staranno se va bene un anno e poi torneranno a casuccia),ma ci sono anche quelli di persone che stanno costruendo il loro futuro,e sono di gran lunga piu’ interessanti (anche perchè non mi frega niente di sapere che tale persona a tale ora si e’ fatta la manicure o e’ andata al concerto di qualche band visual sfigata). Siamo tanti qui a tokyo…ognuno con un sogno diverso e un modo diverso di vedere il giappone. E alla fine, freddo e fame (!) a parte,tutti soddisfatti della nostra scelta.

Sono capitata poi sul sito di una canadese che criticava tutto, si lamentava che in giappone non si parla inglese (incredibile, qui avete fallito eh?avete trovato un popolo con la capoccia piu’ dura della vostra), e si vantava di aver provato a fare un mock test del jlp3 e che era "facilissimo". Dopo 5 o sei anni in giappone? "auanaghena in kansas city, that’s all right!"

La maggior parte degli anglofoni in giappone lavora nell’insegnamento. La situazione dell’insegnante d’inglese e’ rosea, molto spesso hanno gli appartamenti in comodato d’uso a poche fermate dalla scuola,riescono a fare carriera nella scuola pubblica(impensabile per noi), trovano lavoro in qualsiasi parte del paese,perchè ormai anche nel villaggio piu’ sperduto c’è una scuola privata o pubblica che aspetta insegnanti madrelingua.

L’anglofono e’ forse l’unico che puo’ venire in giappone direttamente con il permesso di lavoro,perchè ci sono società che cercano candidati anche residenti all’estero.Si troverà poi immerso nel suo microcosmo anglofono in cui non ci sarà nessun problema anche se il lessico e’ limitato a "arigàtogozaimass".E si lamentano. E vogliono tornare a casa. Boh.

 

Ma la parte del giapponese scarso e’ valida anche per la comunità italiana di "insegnanti",ossia persone senza specializzazione alcuna che vogliono farsi un anno in giappone o due e a meno di non trovare una giapponese pucciosa da impalmare torneranno in patria.

Mi e’ sorto un dubbio…in giappone c’è qualche insegnante a cui piace insegnare??? Forse per masochismo, ma dai tempi in cui insegnavo in n*ro a Sanremo nella scuola che mi ha dato le basi mi sono innamorata di questo mestiere. Vista la situazione dovrei cercare qualcos’altro,in un altro campo…ma non voglio cavolo, io devo imparare ancora,diventare la migliore insegnante del mondo,aprire la mia scuola,fare mille cose! Finche’ il fisico regge vado avanti.perchè insegnare mi piace davvero,non e’ un lavoro di rimpiazzo.

Chi sceglie il giappone e’ diverso,e’ nato diverso, e solo chi ha fatto questa scelta lo sa.

 

…we’re just impostors in this country…

 

♫~A sorta fairytale -Tori Amos

 

 

 

 

3 Comments (+add yours?)

  1. Rikachan
    Mar 30, 2010 @ 14:47:28

    Ciao Murasaki, sono Rikachan di GiapponeFORUM 😀 mi sono iscritta al tuo blog, così mi faccio un’idea della vita in Giappone in diretta! ^^

    Reply

  2. Murasaki
    Mar 31, 2010 @ 03:50:13

    grazie!!cercherò di non farla troppa tragica allora!! 🙂

    Reply

  3. CiaLa
    Apr 01, 2010 @ 03:35:59

     Ciaoo:) anche io sono venuta qui dal GiapponeForum! Questo post mi è piaciuto tantissimo 🙂 sei un po’ la GTO italiana ehehe 😉 *aggiunta ai preferiti* chuuuu
     

    Reply

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Standing Ovation, Seated

HELPING PEOPLE UNDERSTAND ART

Sapori diVini

...altro che kimono e fiori di ciliegio!!

Imago Recensio

...altro che kimono e fiori di ciliegio!!

Obsidianne

Rust Rage Red Ravaging Restless

BUROGU: Occhi sull`Impero

Riflessioni semiserie di italiani che, per forza o per passione, vivono in Giappone

Greeneyed Geisha

...altro che kimono e fiori di ciliegio!!

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

%d bloggers like this: